“Sente i suoni per la prima volta”: un commento meditato al video che ha commosso l’web

orecchio

Tra le inutilità cervellotiche che mi hanno sempre affascinato c’è l’idea che ciascuno di noi viva paesaggi diversi, costruiti dai suoi sensi, che sono solo suoi e che nessun altro può immaginare.
Cominciò a mettermela in testa un tizio di terza media mentre andavamo in gita ed eravamo seduti in pullman da ore e ore. Io facevo la . . . → Read More: “Sente i suoni per la prima volta”: un commento meditato al video che ha commosso l’web

Nuovi stereotipi europei: frasario per una settimana in Europa

Europe_topography_map_en

Quelli dell’est ci faranno le scarpe. Hanno già cominciato.

Quelli del nord ti chiedono candidi Quanto guadagni? E anche se tu la spari grossa, e aumenti le tue entrate di un 20-30%, la loro reazione è più o meno: And how can you be still alive?
Vendicarsi riferendo loro la temperatura di Roma in this moment.
Tiè: schiatta svedese, schiatta. . . . → Read More: Nuovi stereotipi europei: frasario per una settimana in Europa

Cronache da un mercato in estinzione: quando arriva lo statale a fare gratis il tuo lavoro

40192

Dev’essere successo che a un certo punto della storia il costruttore di catapulte si è preso un pomeriggio per pensare ed è salito sul colle da cui si domina la città.
Ha guardato in basso, ha visto i tetti delle case e il fumo uscire dai comignoli, per strada un carretto trainato da un ciuco e un . . . → Read More: Cronache da un mercato in estinzione: quando arriva lo statale a fare gratis il tuo lavoro

Dieci anni di legge 40: che cosa è cambiato per la comunicazione?

embryo

Domani la legge 40 compie dieci anni.
In questi dieci anni è stata smontata a colpi di sentenze, soprattutto nelle parti che riguardano la fecondazione assistita. La legge però mette il becco anche nella ricerca, vietando l’uso degli embrioni (da cui ricavare le cellule staminali embrionali, come si fa nel resto del mondo). E anche su questo . . . → Read More: Dieci anni di legge 40: che cosa è cambiato per la comunicazione?

Il “progettino” che ci manderà sul lastrico: quello per le idee di un altro

elaborato-cartaceo

La nostra morte sarà un progettino.
Quelle cose del tipo stiamo aspettando di capire se partiamo, tu intanto facci un progettino (oppure un indice o qualche proposta o butta giù un paio di idee). Gratis, si intende: per prova.
Progettino significa che ti propongono di collaborare a un’idea, loro, nella quale, loro, investono tempo e soldi, loro e tuoi.
E questo in . . . → Read More: Il “progettino” che ci manderà sul lastrico: quello per le idee di un altro

Fare il medico al tempo di whatsApp: una storia vera, anzi quattro

StyleFinalWoodLines

Oggi ospito il racconto di un’amica, compagna di studi, che fa il medico.

Dicono che un tempo non fosse così, e in un certo senso qualche prova ce l’ho anche io che mi sono laureata in medicina poco più di dieci anni fa. Una su tutti, mio nonno, che adesso non c’è più, e che . . . → Read More: Fare il medico al tempo di whatsApp: una storia vera, anzi quattro

L’eredità di Stamina in una parola: “compassionevole”. Ma che c’entra la “compassione”?

passiflora

Non voglio più parlare di Stamina.
Ma ho ancora un tormento: da quando è cominciata tutta questa vicenda mi chiedo da dove siano saltate fuori le cure compassionevoli.
Ora: io non ricordo di aver sentito usare questa espressione nei miei anni di studio all’università. C’erano le cure palliative, quelle sì. Ma la compassione nei miei libri di testo non . . . → Read More: L’eredità di Stamina in una parola: “compassionevole”. Ma che c’entra la “compassione”?

Venti piccoli indiani e dieci anni di statistiche sulla ricerca italiana

graph

Sui banchi della prima liceo eravamo trenta. In quinta, venti.
(Sì, era una scuola selettiva: sezione A, tedesco. Capite).
Dicevo: eravamo venti selezionati studenti di un liceo scientifico di una città universitaria del centro Italia con novantamila abitanti e tre prestigiose università, più centri di ricerca, istituti, roba grossa.
Oggi, di noi venti e probabilmente anche di noi trenta, . . . → Read More: Venti piccoli indiani e dieci anni di statistiche sulla ricerca italiana

Tipi umani da giornalista scientifica / 10: lo Scienziato Segnalatore

12896465-uno-spy-caucasico-criminale-poliziotto-uomo-detective-che-mira-gun-shooting-piena-silhouette-lunghez

Un attimo di distrazione, una giornata di sole, una punta di ottimismo, una notte serena di sonno ininterrotto. E d’un tratto mi trovo a sognare di fare un mestiere normale in un’Italia normale. Normale, è tutto normale Silvia, sta’ tranquilla.
Poi per fortuna arriva lui: lo Scienziato Segnalatore.
Pronto a ricordarmi lo sfascio del mio paese e dei . . . → Read More: Tipi umani da giornalista scientifica / 10: lo Scienziato Segnalatore

Cronache da un pronto soccorso ostetrico: ho il camice bianco, ma non sono un medico

Cernia

È mattina presto. La mia amica incinta mi chiama e mi fa: «è dalle quattro di notte che sento contrazioni: ho preso il tempo e sono regolari. Mi accompagni al pronto soccorso ostetrico?».
Ah. Beh. Sì, certo, aspetta, eccomi, dunque. Ci sono.
Il padre non è nei paraggi: per questo lei ha chiamato me. Sono una specie . . . → Read More: Cronache da un pronto soccorso ostetrico: ho il camice bianco, ma non sono un medico